Approcci Interdisciplinari in Reumatologi
ACR-ARHP San Diego
Reumatologia

Predittori istopatologici e clinici di esiti renali nella vasculite ANCA-associata


Una classificazione istologica predittiva è stata recentemente proposta per determinare il valore prognostico della biopsia renale nei pazienti con vasculite renale associata ad anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA, anti-neutrophil cytoplasmic antibodies ).

È stato effettuato uno studio retrospettivo osservazionale di coorte per valutare la riproducibilità della nuova classificazione e le variabili cliniche che predicono i risultati.

Sono stati identificati 169 pazienti consecutivi con vasculite ANCA-associata; 145 sono stati inclusi nello studio di riproducibilità e 120 nello studio degli esiti.

I campioni di biopsia renale sono stati classificati in base alla lesione glomerulare predominante: focale, mista, a semilune e sclerotica. È stata eseguita anche una valutazione dell’atrofia tubulare.

L'esito primario era il tempo alla malattia renale in stadio terminale o la mortalità per tutte le cause.

È stata misurata la velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ), requisito per la terapia sostitutiva renale.

Per lo studio di riproducibilità, la complessiva affidabilità della classificazione ha dimostrato variabilità secondo 3 istopatologi ( coefficiente di correlazione intraclasse, 0,48; κ statistica=0.46 ).

Anche se l’accordo era alto nel gruppo con lesione glomerulare sclerotica ( κ=0.70 ), è stato meno consistente negli altri gruppi ( κ=0.51, κ=0.47 e κ=0.23 per lesione glomerulare semilunare, focale e mista, rispettivamente ).

Per lo studio degli esiti clinici, i pazienti con modello sclerotico di danno glomerulare hanno mostrato risultati meno favorevoli.

I pazienti con modelli di lesione focale ( hazard ratio, HR=0.26; P=0.001 ), semilunare ( HR=0.33; P=0.003 ) e mista ( HR=0.39; P=0.01 ) avevano un minor rischio di esito primario.

L’atrofia tubolare è risultata correlata con l’esito, e una lesione in stadio avanzato è stata associata ad esiti peggiori ( HR=5.9; P minore di 0.001 ).

Il livello della funzione renale al momento della presentazione ha fortemente predetto l’esito ( HR per aumento di 10 ml/min/1.73 m2 della velocità di filtrazione glomerulare stimata, 0.63; P minore di 0.001 ).

In conclusione, la riproducibilità della classificazione è stata osservata solo in pazienti con modelli sclerotici di danno glomerulare.
Un modello sclerotico di danno glomerulare, una lesione interstiziale cronica avanzata e una ridotta funzione renale hanno previsto tutti esiti infausti. ( Xagena2014 )

Ford SL et al, Am J Kidney Dis 2014; 63: 227-235

Reuma2014 Nefro2014



Indietro