Approcci Interdisciplinari in Reumatologi
Reumatologia
ACR-ARHP San Diego

Sicurezza cardiovascolare: Celecoxib nella artrite è non-inferiore a Naproxene o Ibuprofene


Celecoxib ( Celebrex ) è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene per quanto riguarda la sicurezza cardiovascolare.
Rispetto ai farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) non-selettivi, la sicurezza cardiovascolare di Celecoxib non era certa.

In uno studio, i pazienti che hanno richiesto farmaci antinfiammatori per l’artrosi o l’artrite reumatoide e che erano ad aumentato rischio cardiovascolare sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Celecoxib, Ibuprofene o Naproxene.

L'obiettivo dello studio era valutare la non-inferiorità di Celecoxib per quanto riguarda l'endpoint primario composito di morte cardiovascolare comprendente la morte emorragica, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale.
Sono stati valutati anche gli esiti gastrointestinali e renali.

In totale 24.081 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Celecoxib ( media dose giornaliera, 209 mg ), al gruppo Naproxene ( 852 mg ) o al gruppo Ibuprofene ( 2.045 mg ) per una durata media del trattamento di 20.3 mesi con un periodo di follow-up medio di 34.1 mesi.

Durante lo studio, il 68.8% dei pazienti ha smesso di assumere il farmaco in studio, e il 27.4% dei pazienti ha interrotto il follow-up.

Nelle analisi intention-to-treat, si è verificato un evento di esito primario in 188 pazienti nel gruppo Celecoxib ( 2.3% ), in 201 pazienti nel gruppo Naproxene ( 2.5% ) e in 218 pazienti nel gruppo Ibuprofene ( 2.7% ) ( hazard ratio per Celecoxib vs Naproxene, HR=0.93; hazard ratio per Celecoxib vs Ibuprofene, HR=0.85; P minore di 0.001 per non-inferiorità in entrambi i confronti ).

Nell'analisi durante il trattamento, si è verificato un evento di esito primario in 134 pazienti nel gruppo Celecoxib ( 1.7% ), in 144 pazienti nel gruppo Naproxene ( 1.8% ) e in 155 pazienti nel gruppo Ibuprofene ( 1.9% ) ( hazard ratio per Celecoxib vs naproxene, HR=0.90; hazard ratio per Celecoxib vs Ibuprofene, HR=0.81; P minore di 0.001 per non-inferiorità in entrambi i confronti ).

Il rischio di eventi gastrointestinali è risultato significativamente più basso con Celecoxib rispetto a Naproxene ( P=0.01 ) o Ibuprofene ( P=0.002 ); il rischio di eventi renali è stato significativamente più basso con Celecoxib rispetto a Ibuprofene ( P=0.004 ), ma non è stato significativamente più basso con Celecoxib rispetto a Naprossene ( P=0.19 ).

In conclusione, a dosi moderate, Celecoxib è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene relativamente alla sicurezza cardiovascolare. ( Xagena2016 )

Nissen SE et al, N Engl J Med 2016; 375: 2519-2529

Reuma2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro