Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Apremilast per ulcere orali nella sindrome di Behçet


L'inibitore della fosfodiesterasi 4 a piccola molecola Apremilast ( Otezla ) modula le citochine che sono iper-regolate nella sindrome di Behçet.
In uno studio di fase 2 che ha coinvolto pazienti con la sindrome di Behçet, Apremilast ha ridotto l'incidenza e la gravità delle ulcere orali.
Tuttavia, i dati sull'efficacia e la sicurezza di Apremilast nei pazienti con sindrome di Behçet che avevano ulcere orali attive e che non avevano precedentemente ricevuto agenti biologici sono limitati.

In uno studio di fase 3 sono stati assegnati in modo casuale i pazienti che avevano la sindrome di Behçet con ulcere orali attive ma nessun coinvolgimento di organi maggiori a ricevere Apremilast alla dose di 30 mg oppure placebo, somministrati per via orale, due volte al giorno per 12 settimane, seguiti da una fase di estensione di 52 settimane.

L'endpoint primario era l'area sotto la curva ( AUC ) per il numero totale di ulcere orali durante il periodo di 12 settimane controllato con placebo ( con valori più bassi che indicavano meno ulcere ).
Vi erano 13 endpoint secondari, tra cui la risposta completa alle ulcere orali, il cambiamento dal basale del dolore associato alle ulcere orali, l'attività di malattia e il cambiamento dal basale nel punteggio di qualità di vita con malattia di Behçet ( intervallo da 0 a 30, con punteggi più alti che indicavano maggiore compromissione della qualità di vita ).
È stata anche valutata la sicurezza.

In totale 207 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione ( 104 pazienti nel gruppo Apremilast e 103 nel gruppo placebo ).

L'AUC per il numero di ulcere orali è stata di 129.5 per Apremilast, rispetto a 222.1 per il placebo ( differenza media dei minimi quadrati, -92.6; P minore di 0.001 ).

La variazione rispetto al basale del punteggio di qualità di vita della malattia di Behçet è stata di -4.3 punti nel gruppo Apremilast, rispetto a -1.2 punti nel gruppo placebo ( differenza media dei minimi quadrati, -3.1 punti ).

Gli eventi avversi con Apremilast comprendevano: diarrea, nausea e mal di testa.

Nei pazienti con ulcere orali associate alla sindrome di Behçet, Apremilast ha prodotto una riduzione maggiore del numero di ulcere orali rispetto al placebo, ma è stato associato ad eventi avversi, tra cui diarrea, nausea e cefalea. ( Xagena2019 )

Hatemi G et al, N Engl J Med 2019; 381: 1918-1928

Reuma2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro