Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Medical Meeting

Artrite psoriasica, spondilite anchilosante: gli inibitori del TNF correlati a un più alto rischio neuroinfiammatorio, seppur raro


Il trattamento con inibitori del TNF ( fattore di necrosi tumorale ) è associato a un aumentato rischio, seppur basso, di patologie neuroinfiammatorie in pazienti con spondilite anchilosante e artrite psoriasica, ma non artrite reumatoide.

Diverse segnalazioni di casi e piccole serie di casi hanno indicato che il trattamento con gli inibitori del TNF ( TNFi ) può essere collegato a disturbi neuroinfiammatori, ad esempio sclerosi multipla, neuropatie infiammatorie e neurite ottica.

Per determinare se gli inibitori del TNF siano collegati a un aumentato rischio di malattie neuroinfiammatorie in pazienti con condizioni artritiche, è stato condotto uno studio prospettico di coorte in Danimarca e Svezia.
I pazienti con artrite infiammatoria sono stati identificati utilizzando i registri DANBIO [ Danimarca ] e ARTIS ( Anti-Rheumatic Treatment in Sweden ) [ Svezia ].

I dati danesi riguardavano adulti del registro DANBIO con diagnosi di artrite reumatoide, artrite psoriasica o spondilite anchilosante che avevano iniziato il trattamento con inibitori del TNF nel periodo 2000-2017.
I dati del registro svedese includevano adulti con le stesse malattie che erano state trattate con l'inibitore del TNF nello stesso periodo di tempo.

La ricerca ha riguardato 25.796 pazienti con artrite reumatoide, 8.586 con artrite psoriasica e 9.527 con spondilite anchilosante trattati con gli inibitori del TNF.
Lo studio ha incluso 175.520 pazienti totali con malattie artritiche.
I dati sulle malattie demielinizzanti e sulle diagnosi di neuropatia infiammatoria sono stati raccolti dal National Patients Register.

Sono stati identificati 270 eventi di malattie neuroinfiammatorie in Svezia e 51 in Danimarca, tra 111.455 pazienti totali con artrite reumatoide. Ciò corrispondeva a tassi di incidenza grezza di 0.37 per 1.000 persone / anno in Svezia e 0.39 per 1.000 persone / anno in Danimarca, tra i pazienti trattati con inibitori del TNF ( hazard ratio, HR svedese = 0.97; IC al 95%, 0.72-1.33; HR danese = 1.45; IC al 95%, 0.74-2.81 ), rispetto a 0.39 e 0.28, rispettivamente, nei pazienti non-esposti.

Tra i 64.065 pazienti totali con spondilite anchilosante o artrite psoriasica, c'erano, rispettivamente, 196 e 32 malattie neuroinfiammatorie, che rappresentavano tassi di incidenza grezza di 0.59 e 0.87 tra i pazienti trattati con inibitori del TNF ( HR svedese = 1.5; IC al 95%, 1.07-2.11; HR danese = 3.41; IC al 95%, 1.3-8.96 ), rispetto a 0.4 e 0.19 nei pazienti non-esposti.
Gli hazard ratio erano simili per la sclerosi multipla.

Dallo studio è emerso che il trattamento con inibitori del TNF è associato a un aumentato rischio di disturbi neuroinfiammatori come raro effetto collaterale.
Il rischio assoluto è inferiore a 1 su 1.000 pazienti per anno, tra i pazienti con artrite psoriasica e spondilite anchilosante, ma non con artrite reumatoide. ( Xagena2020 )

Fonte: Annals of the Rheumatic Diseases, 2020

Reuma2020 Neuro2020 Farma2020


Indietro