Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Età materna più avanzata correlata a esiti avversi nella malattia di Kawasaki


Una età materna di 32 anni o più è significativamente associata a esiti avversi della gravidanza, inclusa la formazione di lesioni dell'arteria coronaria, e in caso di età materna di 35 anni o superiore, la resistenza alle immunoglobuline per via endovenosa, tra la prole con malattia di Kawasaki.

Negli ultimi tre decenni, l'età media materna del parto è in aumento in molti Paesi.
Vari studi hanno riportato che l'età materna avanzata ( definita come età uguale a 35 anni o superiore ) è associata a molti esiti avversi in gravidanza.

Nel loro insieme, i fattori perinatali possono influenzare la salute della prole.
Identificare i gruppi vulnerabili allo sviluppo di lesioni delle arterie coronarie e di resistenza all'Immunoglobulina per via venosa ( IVIG ) nella malattia di Kawasaki è importante e potrebbe portare a un approccio terapeutico personalizzato.

Per analizzare i fattori perinatali e gli esiti clinici nella malattia di Kawasaki, i ricercatori della Jinan University a Shenzhen in Cina, hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo su pazienti e caregiver presso il Kaohsiung Chang Gung Memorial Hospital di Taiwan.
Lo studio ha incluso 185 coppie paziente-caregiver, con diagnosi di malattia di Kawasaki; il follow-up ha riguardato il periodo 2014-2017.
I caregiver hanno completato un questionario con due categorie: le caratteristiche dei bambini e le caratteristiche dei caregiver.

Le caratteristiche dei bambini includevano l'età all'esordio della malattia, il sesso, l'età gestazionale al momento del parto, il peso corporeo alla nascita, il metodo di parto e lo stato di allattamento.
Le caratteristiche dei caregiver includevano se fossero genitori, livelli di istruzione, l'età materna al parto, il numero totale di figli e il reddito familiare.
Sono stati quindi analizzati i collegamenti tra questi fattori e la risposta al trattamento immunoglobulinico per via endovenosa e la formazione di lesioni dell'arteria coronaria.

E' emerso che i bambini con malattia di Kawasaki e lesioni dell'arteria coronaria avevano madri età più avanzata al parto, rispetto a quelle senza lesioni ( P = 0.016 ).
In particolare, le madri di età pari o superiore a 32 anni hanno dimostrato un tasso più elevato di bambini con malattia di Kawasaki con lesioni coronariche ( odds ratio, OR = 1.93; IC 95%, 1.007-3.718 ) rispetto a quelle più giovani.
Inoltre, le madri di età pari o superiore a 35 anni hanno dimostrato un tasso più elevato di bambini con malattia di Kawasaki che erano resistenti all'immunoglobulina per via endovenosa ( OR = 4.4; IC al 95%, 1.330-14.786 ).

I ricercatori non hanno riscontrato differenze significative nella formazione della lesione o nella resistenza immunoglobulinica per via endovenosa tra i pazienti correlati a età di insorgenza della malattia, età gestazionale, peso corporeo alla nascita, metodi di parto, allattamento al seno, tipo di caregiver, livello di istruzione dei caregiver, numero totale di figli o reddito familiare.

Questo studio è stato il primo a segnalare che l'aumento dell'età materna ha una significativa associazione con la formazione di lesioni a livello dell'arteria coronaria e di resistenza a IVIG nella malattia di Kawasaki.
I meccanismi alla base non sono ben definiti.

Sono necessari ulteriori studi con un numero maggiore di pazienti per confermare questi risultati. ( Xagena2019 )

Fonte: Pediatric Rheumatology, 2019

Gyne2019 Pedia2019 Reuma2019 Farma2019


Indietro