Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Fattori di rischio per la mortalità e l'ospedalizzazione per cause cardiopolmonari nei pazienti con sclerosi sistemica a rischio di ipertensione polmonare


Sono stati identificati i predittori di mortalità e ospedalizzazione per cause cardiopolmonari in pazienti a rischio di ipertensione polmonare arruolati in PHAROS, uno studio prospettico di coorte per indagare la storia naturale della ipertensione polmonare nella sclerosi sistemica.

La popolazione a rischio di ipertensione polmonare è stata definita dai seguenti criteri di ingresso: pressione arteriosa polmonare sistolica all’ecocardiogramma superiore a 40 mm Hg, o valori di diffusione del monossido di carbonio ( DLCO ) inferiori al 55% predetto o rapporto tra capacità vitale forzata percentuale / DLCO percentuale maggiore di 1.6, misurato mediante test di funzionalità polmonare.

Le misure cliniche di base sono state valutate come predittori di ospedalizzazione e decesso tra il 2005 e il 2014.

Dei 236 soggetti a rischio che sono stati seguiti per una mediana di 4 anni, 35 hanno sviluppato ipertensione polmonare dopo essere entrati in PHAROS ( riclassificati come gruppo ipertensione polmonare ).

Nel gruppo a rischio, la mortalità più elevata è stata fortemente associata a sesso maschile, basso valore DLCO percentuale, desaturazione di ossigeno sotto sforzo, anemia, punteggi di dispnea anormali e versamento pericardico al basale.

I rischi per l'ospedalizzazione cardiopolmonare sono stati associati a un aumento della dispnea e delle effusioni pericardiche, sebbene i pazienti con ipertensione polmonare con DLCO minore del 50% presentassero il più alto rischio di ospedalizzazione per cause cardiopolmonari.

In conclusione, i fattori di rischio per esiti sfavorevoli in pazienti con sclerosi sistemica che sono a rischio di ipertensione polmonare sono stati simili ad altri con ipertensione polmonare e ipertensione arteriosa polmonare associata a sclerosi sistemica, includendo sesso maschile, DLCO inferiore al 50%, desaturazione di ossigeno sotto sforzo e versamenti pericardici.
Questo gruppo dovrebbe essere sottoposto a cateterismo cardiaco destro e ricevere un intervento appropriato se la ipertensione polmonare fosse confermata. ( Xagena2018 )

Hsu VM et al, J Rheumatol 2018; Epub ahead of print

Cardio2018 Pneumo2018 Reuma2018



Indietro