Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Guselkumab nei pazienti con artrite psoriasica attiva naive-ai-farmaci biologici o che avevano precedentemente ricevuto un trattamento con inibitori del TNF-alfa: studio DISCOVER-1


Molti pazienti con artrite psoriasica hanno una risposta inadeguata agli inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNF ).
Guselkumab ( Tremfya ), un inibitore specifico dell'interleuchina-23 ( IL-23 ) attraverso il legame della subunità IL-23 p19, ha significativamente migliorato i segni e i sintomi dell'artrite psoriasica con un profilo di sicurezza accettabile in uno studio di fase 2.

Lo studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, di fase 3 DISCOVER-1 è stato condotto in 86 siti in 13 Paesi in Asia, Australasia, Europa e Nord America, e ha arruolato adulti con artrite psoriasica attiva ( almeno tre articolazioni gonfie e tre dolenti e proteina C-reattiva [ CRP ] maggiore o uguale a 0.3 mg/dl ) nonostante le terapie standard.
I criteri di ammissibilità includevano risposta inadeguata o intolleranza al trattamento standard, includendo almeno 4 mesi di Apremilast, almeno 3 mesi di farmaci antireumatici modificanti la malattia non-biologici ( DMARD ) o almeno 4 settimane di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) per l'artrite psoriasica.
Circa il 30% dei partecipanti allo studio poteva aver precedentemente ricevuto uno o due inibitori del TNF.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per DMARD al basale e precedente uso di inibitori del TNF, a Guselkumab per via sottocutanea 100 mg ogni 4 settimane; Guselkumab 100 mg alle settimane 0, 4, quindi ogni 8 settimane; oppure placebo corrispondente.

L'endpoint primario era il miglioramento del 20% ( ACR20 ) dell'American College of Rheumatology alla settimana 24 in tutti i pazienti per gruppo di trattamento assegnato utilizzando l'imputazione non-responder.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti per trattamento ricevuto.

Dal 2017 al 2018 sono stati selezionati 624 pazienti, di cui 381 assegnati in modo casuale e trattati con Guselkumab ogni 4 settimane ( n=128 ), Guselkumab ogni 8 settimane ( n=127 ) oppure placebo ( n=126 ).
362 pazienti hanno continuato il trattamento di studio fino alla settimana 24.

L'endpoint primario, ACR20 alla settimana 24, è stato raggiunto da percentuali significativamente maggiori di pazienti nel gruppo Guselkumab ogni 4 settimane ( 76 su 128, 59% ) e nel gruppo ogni 8 settimane ( 66 su 127, 52% ) rispetto al gruppo placebo ( 28 su 126, 22% ), con differenze percentuali rispetto al placebo del 37% per il gruppo ogni 4 settimane e 30% per il gruppo ogni 8 settimane ( entrambi P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi gravi fino alla settimana 24 non si sono presentati in nessun paziente trattato con Guselkumab ogni 4 settimane, mentre si sono manifestati in 4 pazienti ( 3% ) trattati con Guselkumab ogni 8 settimane e in 5 pazienti ( 4% ) trattati con placebo.

Alla settimana 24, un paziente nel gruppo placebo è deceduto per insufficienza cardiaca e 2 hanno avuto gravi infezioni; nessun paziente trattato con Guselkumab è deceduto o ha avuto gravi infezioni.

Guselkumab ha dimostrato un profilo beneficio-rischio favorevole e potrebbe essere un'opzione terapeutica efficace per i pazienti con artrite psoriasica attiva. ( Xagena2020 )

Deodhar A et al, Lancet 2020; 395: 1115-1125

Reuma2020 Farma2020


Indietro