Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Idrossiclorochina non-associata a insufficienza cardiaca nell'artrite reumatoide


In un recente studio il trattamento con Idrossiclorochina non è risultato associato a insufficienza cardiaca nei pazienti con artrite reumatoide; tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche a dosaggi più elevati.

L'insufficienza cardiaca è un raro effetto avverso attribuito al farmaco, ma questi dati sono stati limitati a casi clinici o a serie.
Esistono lacune di conoscenza sul rischio di insufficienza cardiaca nei pazienti con artrite reumatoide che utilizzano l'Idrossiclorochina.

Per analizzare l'associazione tra Idrossiclorochina e il rischio di insufficienza cardiaca tra i pazienti con artrite reumatoide è stato condotto uno studio caso-controllo nested tra i residenti della contea di Olmsted, Minnesota ( USA ) nel periodo 1980-2013.
Sono stati arruolati 1.078 partecipanti, tra cui 143 pazienti con artrite reumatoide che hanno successivamente sviluppato insufficienza cardiaca, e 143 soggetti di controllo solamente affetti da artrite reumatoide.
I dati sull'uso dell'Idrossiclorochina, comprese le date di inizio e di fine nonché le variazioni della dose, sono stati ricavati dalla revisione delle cartelle cliniche.

Gli sperimentatori hanno abbinato ciascun partecipante con artrite reumatoide che ha sviluppato insufficienza cardiaca a un membro del gruppo di controllo in base all'anno di nascita, al sesso e all'anno di incidenza dell'artrite reumatoide. Hanno inoltre assegnato a ciascun membro di controllo una data di indice corrispondente alla data di diagnosi dell'insufficienza cardiaca.
I partecipanti al gruppo di controllo che in seguito hanno sviluppato insufficienza cardiaca sono stati autorizzati a cambiare gruppo.

L'insufficienza cardiaca è stata definita in base ai criteri di Framingham.

Entrambi i gruppi presentavano similitudine riguardo a durata dell'artrite reumatoide, proporzioni di pazienti positivi per il fattore reumatoide ( FR ) e/o anticorpi anti peptide ciclico citrullinato ( CCP ), indice di massa corporea ( BMI ) e stato di fumatori.
La durata dell'uso dell'Idrossiclorochina prima della data indice è stata di 2.8 anni tra coloro che hanno sviluppato insufficienza cardiaca e 2.6 anni tra quelli del gruppo controllo.

Settantuno partecipanti con insufficienza cardiaca e 69 individui senza insufficienza cardiaca avevano utilizzato il farmaco in un momento precedente alla data indice. Tra questi pazienti, la durata mediana del consumo di Idrossiclorochina è stata di 2.8 anni per quelli con insufficienza cardiaca e 2.5 per quelli con solo artrite reumatoide.

La dose cumulativa mediana era di 371 grammi tra i pazienti che alla fine avevano sviluppato insufficienza cardiaca e 302 g nel gruppo controllo, con il 55% dei casi che aveva ricevuto una dose cumulativa di almeno 300 g nel gruppo casi, rispetto al 54% tra i controlli.

La dose cumulativa non è stata associata a insufficienza cardiaca ( odds ratio, OR = 0.96 per 100 g di aumento della dose cumulativa; IC al 95%, 0.9-1.03 ). Né vi era alcuna associazione tra insufficienza cardiaca e raggiungimento di una dose cumulativa di 300 g o più ( OR = 0.92; IC al 95%, 0.41-2.08 ).
Anche la durata del trattamento prima della data indice non era associata a insufficienza cardiaca ( OR=0.98; IC al 95%, 0.91-1.05 ).
I tassi di tossicità retinica erano simili in entrambi i gruppi.

Dallo studio è emerso che l'uso dell'Idrossiclorochina non era associato allo sviluppo di insufficienza cardiaca nei pazienti con artrite reumatoide.
Non c'era inoltre alcuna associazione statisticamente significativa tra la dose cumulativa di Idrossiclorochina e l'insufficienza cardiaca. ( Xagena2020 )

Fonte: EULAR e-Congress, 2020

Reuma2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro