Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Ixekizumab per pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica: studio COAST-X


Ixekizumab ( Taltz ), un anticorpo monoclonale interleuchina-17A ( IL-17A ) ad alta affinità, aveva in precedenza dimostrato efficacia nella spondiloartrite assiale radiografica, nota anche come spondilite anchilosante.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Ixekizumab, un inibitore di IL-17, nella spondiloartrite assiale non-radiografica.
Sono stati riportati i risultati primari di COAST-X.

COAST-X era uno studio di 52 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli, condotto in 107 siti in 15 Paesi in Europa, Asia, Nord America e Sud America.

I partecipanti eleggibili erano adulti di età a partire da 18 anni con spondiloartrite assiale attiva senza sacroileite definita radiograficamente ( spondiloartrite assiale non-radiografica ), segni oggettivi di infiammazione ( tramite risonanza magnetica o proteina C-reattiva ) e una risposta inadeguata o intolleranza ai farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 80 mg di Ixekizumab per via sottocutanea ogni 4 settimane ( Q4W ) o ogni 2 settimane ( Q2W ) oppure placebo.
La modifica dei farmaci di base o il passaggio a Ixekizumab Q2W in aperto, o entrambi, sono stati consentiti dopo la settimana 16 a discrezione dello sperimentatore.

Gli endpoint primari erano la risposta ASAS40 ( Assessment of SpondyloArthritis international Society-40 ) ( definita come un miglioramento del 40% o più e un miglioramento assoluto rispetto al basale di 2 unità o più in almeno tre dei quattro domini rappresentati da paziente globale, dolore spinale, funzione e infiammazione, senza peggioramento nel rimanente dominio ) alle settimane 16 e 52.
I pazienti che sono passati a Ixekizumab in aperto sono stati considerati come non-responder nell'analisi di regressione logistica.

Tra il 2016 e il 2018 sono stati arruolati 303 pazienti ( 105 destinati a placebo, 96 a Ixekizumab Q4W e 102 a Ixekizumab Q2W ).

Entrambi gli endpoint primari sono stati raggiunti: ASAS40 alla settimana 16 ( Ixekizumab Q4W: 34 su 96, 35%, P=0.0094 vs placebo; Ixekizumab Q2W: 41 su 102, 40%, P=0.0016; placebo: 20 su 105, 19% ) e ASAS40 alla settimana 52 ( Ixekizumab Q4W: 29 su 96, 30%, P=0.0045; Ixekizumab Q2W: 32 su 102, 31%, P=0.0037; placebo: 14 su 105, 13% ).

In tutto 60 pazienti su 104 ( 57% ) nel gruppo placebo, 63 su 96 ( 66% ) nel gruppo Ixekizumab Q4W e 79 su 102 ( 77% ) nel gruppo Ixekizumab Q2W hanno avuto almeno un evento avverso emergente dal trattamento.

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento più comuni nei gruppi Ixekizumab sono stati rinofaringite e reazione al sito di iniezione.
Tra gli eventi avversi emergenti dal trattamento di particolare interesse, si è verificato un caso di infezione grave nel gruppo Ixekizumab Q4W.
La frequenza di eventi avversi gravi è stata bassa ( 4 su 302, 1% ) e simile nei tre gruppi.
Non ci sono stati tumori maligni o decessi. Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza.

Ixekizumab è risultato superiore al placebo nel migliorare segni e sintomi dei pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica alle settimane 16 e 52.
Le segnalazioni di eventi avversi sono state simili a quelle dei precedenti studi su Ixekizumab.
Ixekizumab offre una potenziale opzione terapeutica per i pazienti con spondiloartrite assiale non-radiografica con una risposta inadeguata o intolleranti alla terapia con FANS. ( Xagena2020 )

Deodhar A et al, Lancet 2020; 395: 53-64

Reuma2020 Farma2020


Indietro