Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Medical Meeting

La gotta può rappresentare un fattore di rischio per la progressione della stenosi aortica


La stenosi aortica è stata riscontrata più frequentemente nei pazienti con gotta rispetto a coloro che non soffrono di questa patologia.

In una revisione retrospettiva, sono stati esaminati i dati di 1510 pazienti consecutivi di età maggiore di 65 anni con stenosi aortica sottoposti a due o più ecocardiogrammi transtoracici ( TTE ) in un singolo Centro a distanza di 1 anno o più.
In questa coorte, 73 pazienti con gotta e 626 pazienti senza gotta soddisfacevano i criteri di inclusione ( follow-up mediano, rispettivamente di 903 e di 915 giorni ).

L'endpoint primario dello studio era una grave stenosi aortica, definita come qualsiasi combinazione di velocità di picco del jet aortico maggiore di 4.0 m/s, gradiente medio maggiore di 40 mm Hg, area della valvola aortica inferiore a 1 cm2 e/o diminuzione della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) a causa di stenosi aortica.

È stato riscontrato che i pazienti con, versus senza gotta avevano maggiore probabilità di avere una grave stenosi aortica durante il follow-up, in base a valutazione all'ecocardiografia TTE ( 74% vs 54%, rispettivamente; P = 0.001; hazard ratio [ HR ], 1.45; IC 95%, 1.09-1.93 ) in una analisi non-corretta e dopo aggiustamento per la presenza di grave stenosi aortica all'ecocardiografia transtoracica ( HR, 1.43; IC 95%, 1.07-1.91; P = 0.02 ).

L'associazione tra gotta e sviluppo di stenosi aortica grave è persistita dopo aggiustamento per età, sesso, superficie corporea, ipertensione e velocità di filtrazione glomerulare ( HR, 1.46; IC 95%, 1.03-2.08; P = 0.03 ).

Nei pazienti con una diminuzione della FEVS associata alla progressione della stenosi aortica, la gotta è rimasta associata a una grave stenosi aortica ( HR, 1.46; IC 95%, 1.02-2.09; P = 0.04 ).

Questi risultati supportano ulteriormente l'ipotesi che la gotta sia un fattore di rischio per la stenosi aortica. ( Xagena2020 )

Fonte: American Journal of Medicine, 2020

Cardio2020 Reuma2020


Indietro