Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'uso continuato di farmaci antinfiammatori per la spondilite anchilosante è correlato a un aumentato rischio di ipertensione


L'uso continuo di FANS ( farmaci antinfiammatori non-steroidei ) per il trattamento della spondilite anchilosante è associato a un aumentato rischio del 12% di ipertensione incidente, rispetto all'uso non-continuo di FANS o assente.

L'ipertensione è comune nelle persone con spondilite anchilosante e la prevalenza di questa comorbilità è di circa il 30%.

I FANS sono la terapia farmacologica di prima linea nella spondilite anchilosante.

Per analizzare il legame tra l'uso di FANS e l'ipertensione incidente, sono stati studiati i dati longitudinali dello studio PSOAS ( Prospective Study of Outcomes in AS ).
L'analisi ha riguardato 628 pazienti con spondilite anchilosante della coorte PSOAS nella loro analisi finale.
Tutti i pazienti valutati avevano almeno 1 anno di follow-up, e nessun caso di ipertensione al basale.

L'uso continuo di FANS per il trattamento della spondilite anchilosante è risultato associato a un aumentato rischio del 12% di ipertensione incidente.

I partecipanti alla coorte sono stati esaminati ogni 4-6 mesi usando questionari per valutare l'attività di malattia e la compromissione funzionale.

I ricercatori hanno definito l'ipertensione sulla base degli esiti riportati dal paziente, l'uso di farmaci antipertensivi, una pressione arteriosa sistolica di 140 mm Hg o superiore oppure una pressione diastolica di 90 mm Hg o maggiore, riportata in due visite di follow-up consecutive.

Un totale di 200 pazienti su 628 avevano fatto uso di FANS in modo continuato.

Durante una mediana di 7 anni di follow-up, un totale di 129 pazienti hanno sviluppato ipertensione incidente.
Tra questi pazienti con nuove diagnosi di ipertensione durante il follow-up, il 40% assumeva FANS in modo continuato, il 47% utilizzava inibitori del TNF ( fattore di necrosi tumorale ) e il 16% stava assumendo, al basale, sia i FANS sia gli inibitori del TNF.

Dopo aggiustamento per variabili, è emerso che l'uso continuato di FANS era associato a un hazard ratio ( HR ) di 1.12 per l'ipertensione ( IC al 95%, 1.04-1.2 ), rispetto a un uso non-continuato o a nessun uso.
Questa correlazione è rimasta invariata in specifici sottogruppi in base all'età, all'indice BMI ( indice di massa corporea ), all'uso del farmaco biologico o all'attività di malattia.

Il rischio era modesto, quindi i risultati non raccomandano di interrompere il trattamento con FANS come misura generale.
Un limite dello studio è rappresentato dal non aver verificato se questo aumento del rischio di ipertensione si traduce in un aumento del rischio di eventi cardiovascolari. ( Xagena2019 )

Fonte: Arthritis Care & Research, 2019

Reuma2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro