Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio di infezioni gravi nella vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma nei neutrofili trattata con Rituximab


Circa un quarto dei pazienti trattati con Rituximab ( MabThera, Rituxan )con vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ha sviluppato infezioni gravi in ​​un periodo di osservazione di 2 anni, mentre l'uso della profilassi con Trimetoprim e Sulfametossazolo ( Cotrimossazolo ) ha ridotto questo rischio.

Sono stati valutati i fattori di rischio per lo sviluppo di infezioni gravi o potenzialmente letali nei pazienti trattati con Rituximab con vasculite associata agli anticorpi.
In totale sono state identificate per l'inclusione nello studio 192 persone con vasculite associata agli anticorpi da 2 Centri specialistici.

Le infezioni gravi sono state classificate di grado 3 o superiore, in base ai Common Terminology Criteria for Adverse Events versione 4.0.

Complessivamente, 95 infezioni gravi sono state riportate nel 25.52% dei pazienti con vasculite associata agli anticorpi, che corrispondeva a un tasso di eventi di 26.06 infezioni per 100 anni-persona.
Delle infezioni osservate, il 25% si è verificato durante i primi 4 mesi di follow-up, mentre il 50% e l'80% sono stati riportati dopo 12 e 18 mesi, rispettivamente.
La profilassi antibiotica con Trimetoprim-Sulfametossazolo è stata somministrata nel 38.02% dei pazienti.

Le infezioni del tratto respiratorio erano la complicanza infettiva più comune ( n=63 ), seguita da infezioni del tratto urinario ( n=12 ), infezioni del tratto gastrointestinale ( n=8 ), infezioni da mastoidite / otite esterna ( n=4 ), infezioni della pelle ( n=3 ), sepsi / setticemia con sito di infezione non-identificato ( n=1 ), infezione del sito di uscita associato al catetere ( n=1 ), infezione della massa orbitale ( n=1 ), ascesso della ghiandola lacrimale ( n=1 ) e infezione agli occhi ( n=1 ).

L'uso profilattico di Trimetoprim-Sulfametossazolo è risultato associato a una più bassa frequenza di infezioni gravi ( hazard ratio, HR=0.30 ).
Al contrario, l'età avanzata ( HR=1.03 ), il coinvolgimento endobronchiale ( HR=2.21 ), la presenza di malattia polmonare ostruttiva cronica [ BPCO ] ( HR=6.30 ) e uso precedente di Alemtuzumab ( HR=3.97 ) hanno aumentato il rischio di infezioni gravi.

Quando l'analisi è stata limitata alle infezioni del tratto respiratorio, che rappresentavano il 66.3% di tutte le infezioni, il coinvolgimento endobronchiale ( HR=4.27 ), una grave bronchiectasia ( HR=6.14 ), una più alta conta dei neutrofili ( HR=1.19 ) e una recidiva maggiore ( HR=3.07 ) come indicazioni per l'uso di Rituximab hanno conferito un rischio più elevato per le infezioni, mentre la malattia refrattaria ( HR=0.25 ) come indicazione per l'uso di Rituximab era associata a una percentuale inferiore di infezioni gravi.

Sebbene i risultati di questa analisi meritino conferma in ulteriori studi, supportano l'uso di routine della combinazione di Trimetoprim e di Sulfametossazolo in soggetti trattati con Rituximab con vasculite associata agli anticorpi. ( Xagena2018 )

Fonte: Annals of Rheumatic Diseases, 2018

Reuma2018 Inf2018 Farma2018


Indietro