Reumabase.it
Reumatologia
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Rituximab induce con successo la remissione dopo recidiva di vasculite associata ad ANCA


Rituximab ( MabThera ), usato insieme ai glucocorticoidi, è altamente efficace nel re-indurre la remissione tra i pazienti recidivati con vasculite associata ad ANCA.

Prima della disponibilità di un trattamento efficace, la vasculite associata ad ANCA aveva una mortalità del 93% entro 2 anni, principalmente a causa di insufficienza renale e respiratoria.
L'introduzione dei glucocorticoidi e della Ciclofosfamide, che divenne un trattamento consolidato per questa malattia negli anni '80, migliorò notevolmente la sopravvivenza, inducendo la remissione a 1 anno in circa l'80% dei pazienti.
Tuttavia, la malattia recidivante è comune con oltre il 50% dei pazienti che presentano una ricaduta entro 5 anni, e la maggior parte soffre di tossicità correlata al trattamento.

Uno studio ha valutato la terapia con Rituximab e i glucocorticoidi come terapia per indurre la remissione nei pazienti con vasculite associata ad ANCA che hanno recidivato.
E' stata presa in esame una coorte osservazionale prospettica di pazienti arruolati nella fase di induzione dello studio RITAZAREM.

RITAZAREM era uno studio internazionale, multicentrico, in aperto, randomizzato, controllato, progettato per determinare se il Rituximab fosse superiore all'Azatioprina per il mantenimento della remissione, in seguito all'induzione della remissione con Rituximab e glucocorticoidi, tra i pazienti recidivati con vasculite associata ad ANCA.

Per la fase di induzione dello studio, durante i mesi da 0 a 4, i pazienti idonei di età pari o superiore a 15 anni sono stati arruolati al momento della ricaduta e hanno ricevuto quattro dosi settimanali di Rituximab di 375 mg/m2 più glucocorticoidi.
Il regime glucocorticoide era scelto dal medico ed è stato ridotto da 1 mg/kg al giorno o da 0.5 mg/kg al giorno a 10 mg al giorno entro il quarto mese.
Lo studio ha riguardato 118 pazienti.
Successivamente i pazienti che hanno raggiunto la remissione sono stati assegnati in modo random a ricevere uno di due regimi per prevenire la ricaduta.

Il 63% dei pazienti che hanno recidivato ha dimostrato almeno un importante elemento di attività di malattia, mentre il 29% ha ricevuto il regime glucocorticoide a dose più elevata.
Complessivamente, il 90% dei pazienti ha raggiunto la remissione entro 4 mesi e solo 6 pazienti non sono riusciti a raggiungere il controllo della malattia in quella data.
Quattro pazienti sono deceduti durante la fase di induzione a causa di polmonite, accidente cerebrovascolare o vasculite attiva.
Sono stati osservati 41 gravi eventi avversi in 27 pazienti, tra cui 13 infezioni gravi.

Questi dati della fase di induzione dello studio RITAZAREM, la più ampia coorte prospettica di pazienti con vasculite ANCA-assocciata recidivante, hanno dimostrato che Rituximab, in associazione ai glucocorticoidi, è efficace nel re-indurre la remissione nei pazienti con vasculite associata ad ANCAche hanno recidivato, indipendentemente dalla precedente terapia.
Un'alta percentuale di pazienti ( 171/188, 90% ) ha raggiunto la remissione a 4 mesi; il 71% dei pazienti ha ricevuto il regime glucocorticoide alla dose più bassa.

Sebbene esistano serie retrospettive, gli unici dati prospettici precedenti sull'induzione della remissione per questo sottogruppo di pazienti con vasculite associata ad ANCA provenivano dallo studio RAVE che aveva evidenziato un tasso di remissione più elevato in 50 pazienti recidivati trattati con Rituximab rispetto a 50 pazienti recidivati trattati con Ciclofosfamide. ( Xagena2020 )

Fonte: Annals of Rheumatic Diseases, 2020

Reuma2020 Farma2020


Indietro