Reumabase.it
Reumatologia
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Sicurezza di Baricitinib per il trattamento dell'artrite reumatoide in una mediana di 3 anni di trattamento


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore selettivo orale della Janus chinasi ( JAK ) 1 e JAK2, approvato per il trattamento di pazienti con artrite reumatoide attiva.
Poiché Baricitinib, come altri farmaci antireumatici modificanti la malattia ( DMARD ), viene utilizzato in modo cronico, la valutazione continua del suo profilo di sicurezza a lungo termine è importante.

Sono forniti i dati aggiornati a supporto del profilo di sicurezza esistente di Baricitinib in questa popolazione di pazienti.

In questa analisi di sicurezza, sono stati inclusi dati integrati provenienti da 9 studi clinici di fase 3, fase 2 e fase 1b e uno studio di estensione a lungo termine con dati fino a 360 settimane, conclusosi nel 2018.
Sono stati analizzati tre set di dati integrati, il più grande dei quali era il set di dati all-bari-RA, che include pazienti che hanno ricevuto qualsiasi dose di Baricitinib.

È stata confrontata la sicurezza di Baricitinib con placebo sulla base dei dati di 7 studi con Baricitinib 4 mg e placebo e 4 studi con Baricitinib 2 mg, includendo il placebo fino alla settimana 24 ( set di dati controllato con placebo ).

È stata effettuata una valutazione dose-risposta sulla base di 4 studi con Baricitinib 2 mg e 4 mg, includendo dati di estensione a lungo termine ( set di dati esteso con 2-4 mg ).

È stata effettuata un'analisi esplorativa di decessi ed eventi tromboembolici venosi in un sottoinsieme del set di dati all-bari-RA che includeva pazienti che avevano assunto Baricitinib 2 mg o Baricitinib 4 mg.

È stata effettuata un'analisi per tumori maligni, escludendo il tumore cutaneo non-melanoma, nella popolazione randomizzata ( pazienti non-censurati al momento del salvataggio o della variazione della dose ).

Sono stati raccolti dati per 3.770 pazienti a cui è stato somministrato Baricitinib per 10.127 anni-paziente di esposizione nel set di dati all-bari-RA ( mediana 1.115 giorni, massimo 2.520 giorni ).

Il set di dati controllato con placebo ha compreso 2.836 pazienti, di cui 1.215 nel gruppo placebo, con 451 anni-paziente di dati di esposizione; 479 nel gruppo Baricitinib 2 mg, con 186 anni-paziente di dati di esposizione; e 1.142 nel gruppo Baricitinib 4 mg, con 472 anni-paziente di dati di esposizione.
Il set di dati esteso con 2-4 mg ha compreso 958 pazienti, con 479 pazienti in entrambi i gruppi da 2 mg e 4 mg.

Non sono state osservate differenze significative per Baricitinib 4 mg o 2 mg rispetto al placebo o per 4 mg rispetto a 2 mg nell'incidenza di decessi, tumori maligni, infezioni gravi o eventi cardiovascolari avversi maggiori.

L'incidenza di herpes zoster per 100 anni-paziente è risultata più elevata per Baricitinib ( 4 mg: 4.4; 2 mg: 3.1 ) rispetto al gruppo placebo totale ( 1.1 ), così come le infezioni emergenti dal trattamento ( 4 mg: 89.7; 2 mg: 84.0 vs placebo 75.4 ).

Coerentemente con i precedenti report, le incidenze nel set di dati all-bari-RA per eventi tromboembolici venosi sono state 0.5 per 100 anni-paziente, per trombosi venosa profonda 0.3 per 100 anni-paziente e per embolia polmonare 0.2 per 100 anni-paziente.

Le incidenze di malignità, escludendo il tumore cutaneo non melanoma, nel set di dati esteso con 2-4 mg sono state 0.8 per 100 anni-paziente per Baricitinib 2 mg e 1.0 per 100 anni-paziente per Baricitinib 4 mg, senza censurare i pazienti che hanno subito variazioni della dose o che hanno ricevuto un trattamento di salvataggio.

Non è stata trovata alcuna indicazione di una maggiore incidenza di eventi tromboembolici venosi nel gruppo Baricitinib 4 mg rispetto al gruppo da 2 mg nel set di dati esteso con 2-4 mg.

In questa analisi integrata aggiornata di pazienti con artrite reumatoide attiva esposti a Baricitinib per un massimo di quasi 7 anni, Baricitinib 2 mg e 4 mg ha mantenuto un profilo di sicurezza simile alle precedenti analisi.
Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza.
I pazienti nello studio di estensione a lungo termine continuano ad essere seguiti fino ad oggi. ( Xagena2020 )

Genovese MC et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 347-357

Reuma2020 Farma2020


Indietro