Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Terapia di associazione Leflunomide - Idrossiclorochina nei pazienti con sindrome di Sjögren primaria: studio RepurpSS-I


La sindrome di Sjögren primaria è una malattia autoimmune sistemica caratterizzata da disfunzione della ghiandola secretoria, per la quale non è disponibile una terapia efficace.

Basandoci sulle proprietà complementari della Leflunomide ( Arava ) e dell'Idrossiclorochina ( Plaquenil ) nell'inibire l'attivazione delle cellule immunitarie chiave nella sindrome di Sjögren primaria, sono state valutate l'efficacia clinica e la sicurezza della terapia di associazione Leflunomide e Idrossiclorochina nei pazienti con sindrome di Sjögren primaria.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato di fase 2A in doppio cieco, controllato con placebo, in pazienti con sindrome di Sjögren primaria presso lo University Medical Center di Utrecht ( Paesi Bassi ).
I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 75 anni, un punteggio di indice di attività di malattia della sindrome di Sjögren ( ESSDAI ) secondo la European League Against Rheumatism ( EULAR ) di 5 o superiore, e un punteggio di focus linfocitico di 1 o superiore nei campioni di biopsia delle ghiandole salivari labiali.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Leflunomide 20 mg e Idrossiclorochina 400 mg al giorno oppure placebo per 24 settimane.

L'endpoint primario era la differenza tra i gruppi nella variazione dei punteggi ESSDAI da 0 a 24 settimane, aggiustato per il punteggio ESSDAI al basale.
I pazienti sono stati analizzati secondo intention-to-treat.

Tra il 2016 e il 2017 sono stati sottoposti a screening 37 pazienti, di cui ne sono stati arruolati 29 ( 28 donne e un uomo ).
21 pazienti sono stati assegnati a ricevere Leflunomide - Idrossiclorochina e 8 pazienti sono stati assegnati a ricevere placebo.
Un paziente nel gruppo placebo ha richiesto Prednisone ad alte dosi per trattare la polimialgia reumatica alla settimana 13 ed è stato escluso dall'analisi primaria.

Da 0 a 24 settimane, la differenza media nel punteggio ESSDAI, aggiustata per i valori basali, nel gruppo Leflunomide - Idrossiclorochina rispetto al gruppo placebo è stata di −4.35 punti ( P=0.0078 ).

Non si sono verificati eventi avversi gravi nel gruppo Leflunomide - Idrossiclorochina e si sono verificati due eventi avversi gravi nel gruppo placebo ( ricovero ospedaliero per pancreatite e ricovero ospedaliero per nefrolitiasi ).

Gli eventi avversi più comuni nel gruppo Leflunomide-Idrossiclorochina sono stati disagio gastrointestinale ( 11 pazienti, 52%, vs 2, 25%, nel gruppo placebo ), aumenti transitori modesti dell'alanina aminotransferasi ( 10, 48%, vs 1, 13% ) e brevi episodi di malessere generale e brividi ( 9, 43%, vs 1, 13% ).

La combinazione Leflunomide e Idrossiclorochina è risultata sicura e ha provocato una risposta clinica nei pazienti con sindrome di Sjögren primaria.
Questi risultati giustificano una ulteriore valutazione della terapia di associazione Leflunomide-Idrossiclorochina in studi clinici più ampi. ( Xagena2020 )

van der Heijden EHM et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 260-269

Reuma2020 Farma2020


Indietro