Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Upadacitinib superiore ad Abatacept nell'artrire reumatoide refrattaria ai DMARD biologici


La remissione nell'artrite reumatoide rappresenta un efficace controllo della malattia e una riduzione dei sintomi, che può aiutare i pazienti a gestire la propria malattia e continuare le attività quotidiane.
Tuttavia, circa il 70% dei pazienti affetti da artrite reumatoide e sottoposti a trattamento non raggiunge la remissione clinica, convivendo con il dolore e senso di affaticamento.

E' stato condotto lo studio SELECT-CHOICE di fase 3 in doppio cieco, randomizzato e controllato, per esaminare la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib ( Rinvoq ) versus Abatacept ( Orencia ) nei pazienti con risposta inadeguata o intolleranza ai DMARD biologici.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 15 mg di Upadacitinib o Abatacept al giorno 1, settimane 2, 4, 8, 12, 16 e 20 alle seguenti dosi: meno di 60 kg: 500 mg; 60-100 kg: 750 mg; più di 100 kg: 1.000 mg.
L'assunzione del DMARD sintetico convenzionale di base è continuato per tutti i pazienti.
L'accecamento è durato 24 settimane e sono stati apportati aggiustamenti ai farmaci di base tra i pazienti che non hanno ottenuto un miglioramento del 20% nella conta delle articolazioni dolenti e tumefatte in due visite consecutive dal basale a 12 settimane.

L'endpoint primario era il cambiamento di DAS28-CRP dal basale a 12 settimane ( non-inferiorità ).
Gli endpoint secondari chiave avevano lo scopo di mostrare la superiorità di Upadacitinib rispetto ad Abatacept e includevano la variazione di DAS28-CRP dal basale alla settimana 12 e il numero di pazienti che raggiungevano la remissione completa secondo DAS28-CRP ( definito come DAS28 inferiore a 2.6 ).
Gli eventi avversi associati al trattamento sono stati riportati fino a 24 settimane.

Il precedente trattamento per i 612 pazienti dello studio era stato il seguente: il 67% aveva ricevuto un DMARD biologico ( bDMARD ), il 22% ne aveva ricevuto due e il 10% ne aveva ricevuti tre o più.
Quasi tutti i pazienti ( n = 549 ) hanno completato 24 settimane di trattamento, con effetti avversi e sospensione del consenso che erano i motivi più comuni per l'interruzione dello studio ( 3.6% e 1.7% nel braccio Upadacitinib contro, rispettivamente, il 2.6% e il 2.6% nel braccio Abatacept ).

Sono stati raggiunti gli endpoint primari e secondari chiave. La variazione di DAS28-CRP dal basale a 12 settimane è stata di -2.52 per Upadacitinib contro -2 per Abatacept ( P inferiore a 0.001 ), e la percentuale di pazienti che ha raggiunto la remissione completa ( definita come DAS28-CRP inferiore a 2.6 ) è stata del 30% per Upadacitinib contro il 13.3% per Abatacept ( P inferiore a 0.001 ).

Inoltre, più pazienti nel braccio Upadacitinib hanno raggiunto una bassa attività di malattia ( definita come DAS28-CRP 3.2 ), ACR20, ACR50 e ACR70 alla settimana 12 rispetto ai pazienti nel braccio Abatacept ( P nominale inferiore a 0.05 ).

Allo stesso modo, alla settimana 24, la risposta completa, ACR50 e ACR70 era più alta nel braccio Upadacitinib versus Abatacept ( P nominale inferiore a 0.05 ).

Numericamente più pazienti nel gruppo Upadacitinib rispetto ad Abatacept hanno manifestato eventi avversi emergenti durante il trattamento che hanno portato alla sospensione, tra cui disturbi epatici e aumento della creatinfosfochinasi ( CPK ).
L'herpes zoster è stato riportato in quattro pazienti in ciascun braccio di trattamento. ( Xagena2020 )

Fonte: EULAR e-Congress, 2020

Reuma2020 Farma2020


Indietro